RUBRICHE


Storia della birraMaterie primeLa produzioneStili birrariPer bere beneBere responsabilmente








APPROFONDIMENTI


Le proprietā della birraBirre dal mondoLa birra a tavolaAgenda birraBirra e motori








BUSINESS BIRRA


Microbirrifici italianiCorsi e scuole per sommelier








VITAMINA BIRRA


Birre di vistaMusica e concertiDizionario della birra








Delirium Tremens


Le prime tracce di una attività brassicola a Melle risalgono al 1654.
Ma è solo nel 1902 che Léon Huyghe (originario di Poperinge, regione del luppolo belga) inizia a lavorare presso la brasseria chiamata all'epoca «Appelhoek». Nel 1906 ne diventa proprietario e insieme alla moglie,  Delphina Van Doorselaer figlia di un produttore di birra, da vita alla    «Brouwerij-Mouterij Den Appel» (Brasserie Malterie La Pomme).
Nel 1928 anche i figli di Léon e Delphina cominciano a lavorare nell'azienda di famiglia che cambia il proprio nome diventando la « SPRL Brasserie Léon Huyghe ».
Nel 1945 nasce la birra Golden Kenia e con essa arrivano i primi riconoscimenti.
Dopo la forte crescita degli anni '60, l'azienda comincia ad avere qualche problema e decide di vendere i propri prodotti anche a ristoranti e grandi strutture private che perlopiù chiedono birra da tavolo.
Nel 1980 avviene la svolta: si passa dalla produzione di pils alla produzione di birre ad alta fermentazione e, contemporaneamente, si avvia l'esportazione supportata da un piano d'investimento molto strutturato.
Per assecondare i vari mercati, crea diverse tipologie di birra tra cui la « Minty » per la Francia, la «Artevelde Grand cru» per la Germania e la «Cuvée de Namur» e la «Poiluchette» per il mercato vallone.
Grazie alla domanda italiana, il 26 dicembre 1989 nasce la celeberrima «Delirium Tremens».
Con quest'ultima birra si apre un periodo fecondo portatore di molte iniziative, tra cui la nascita de «la Confrérie de l'éléphant Rosé», atta proprio a sostenere la vendita di qualità della birra.
Da quel momento la produzione si raddoppia e l'esportazione arriva al 50%.
Seguono una serie di fusioni con altre piccole brasserie e la nascita di prodotti fruttati adatti al mercato americano  (« Floris »), una birra al miele e una al cioccolato.
Nel 1996, decidono di aprire un piccolo museo dedicato alla brasseria e ai suoi prodotti che hanno fatto e fanno la storia della birra.
Nel 1997, la « Delirium Tremens » è proclamata la miglior birra al mondo da Stuart A. Kallen; l'anno dopo il titolo viene confermato vincendo la medaglia d'oro al «World Beer Championship» di Chicago. Un'altra delle loro birre, la «Guillotine», riceve la medaglia d'argento nelle stessa categoria.
Nel 1999 si completa la gamma di birre includendo anche quelle d'abbazia: la «Vieille Villiers» e la «Triple Villiers». L'esportazione sale al 65% e il trend di crescita all'estero rimane molto positivo.
Per l'anniversario della Delirium Tremens, nasce la Delirium Nocturnum (una birra bruna da 9 gradi), seguita dalla Delirium Christmas (birra ambrata di 10 gradi rifermentata in bottiglia).
Nel 2004, in collaborazione con OXFAM "Magasin du monde", nascono una bionda e una bruna ad alta fermentazione che utilizzano il 50% di ingredienti provenienti dal commercio equo e solidale.

Scientificamente, il Delirium Tremens è “una fase acuta di delirio che si può verificare in soggetti affetti da alcolismo cronico, a seguito di astinenza protratta per alcuni giorni, o come sindrome di astinenza dovuta alla brusca interruzione di trattamenti farmacologici. Si manifesta con sintomi quali allucinazioni, tremore, sudorazione”.
Sull'etichetta della birra sono riprodotti elefanti rosa, coccodrilli con occhiali e dragoni cinesi: tutte possibili allucinazioni e stadi in cui si passa durante un Delirium Tremens.
Si dice che, durante la scelta del nome della birra, dopo un lungo discutere, uno dei partecipanti disse: “Sbrighiamoci, altrimenti mi prenderà un delirium tremens”. Da qui il nome di questa famosissima birra, particolarmente adatto anche per il suo alto tenore alcolico.
La Delirium Tremens è una birra belga doppio malto a tripla fermentazione prodotta dall Brasserie Huyghe Brewery.
Grazie ai tre tipi diversi di luppoli pregiati con i quali viene preparata, questa birra offre dei picchi di amarezza e un odore sorprendente di malto.
Ha un gusto pieno e un corpo deciso.
Il retrogusto è amaro e persistente, ma senza alcun tono aggressivo, speziato e con tracce di coriandolo e buccia d'arancia.
Questa birra si presenta con un colore giallo dorato carico per via della rifermentazione in bottiglia.
La spuma è abbondante e compatta.
Per degustarla al meglio, si consiglia di sorseggiarla lentamente e di accostarla a cibi forti come salumi e formaggi affumicati.
E' disponibile in 45 Paesi ed ha una gradazione di 8,5 gradi.

La Delirium Tremens rappresenta la birra bionda forte nel suo aspetto migliore.

Fonte
http://www.delirium.be

<<back

HOME - CHI SIAMO - E-COMMERCE - NEWS
For In.com S.r.l. via Adriatica 31, Capodarco di Fermo P.I.01076660446